Connettiti con i leader del marketing di alto livello. unisciti all'evento online di Boost ->

Come scegliere un fornitore di web hosting

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Tabella dei contenuti

Cosa è importante in un fornitore di hosting?

“Un ottimo hosting si riduce alle 3 S: velocità, supporto e sicurezza”, ha detto Adam Berry, direttore digitale di Wingard Creative. Simon Ball di Nasdaq, capo dei servizi media digitali di Nasdaq Corporate Solutions, ha detto che anche la scalabilità è fondamentale. “Hai bisogno della capacità di scalare rapidamente il tuo sito web man mano che il tuo pubblico di riferimento cresce e la resilienza per gestire improvvisi scoppi di traffico elevato”, ha detto Ball.

I servizi di hosting sono disponibili in una vasta gamma di prezzi che vanno da pochi dollari al mese a migliaia di dollari. Se sei una piccola impresa che sta iniziando, probabilmente puoi fare abbastanza bene con un servizio cloud, un server privato virtuale o un servizio gestito che va da 10 a 100 dollari (approssimativamente da 8 a 80 sterline o da 15 a 130 dollari australiani) al mese.

Leggi: I migliori fornitori di web hosting per il 2019

Ecco uno sguardo a ciò che gli esperti raccomandano di considerare quando si sceglie un fornitore di hosting e i link ai vari elenchi di servizi e sconti di CNET Commerce. CNET potrebbe ottenere una parte delle entrate dalla vendita di questi prodotti e servizi offerti dai nostri partner.

Decidi di quanta assistenza avrai bisogno. Il servizio clienti di base fornisce accesso a e-mail, ticket e supporto telefonico. I tempi di risposta alle richieste, tuttavia, variano. Alcuni fornitori di servizi offrono anche un supporto telefonico 24 ore su 24. Il fattore limitante del servizio non gestito è che mentre un fornitore può rispondere alle domande sulla configurazione di base, non sarà il tuo gestore di sistemi.

Se vuoi delegare completamente la gestione del tuo sito, allora devi considerare il servizio gestito. I fornitori di servizi gestiti si assicureranno che il tuo sistema sia configurato correttamente per il tuo carico, terranno d’occhio i problemi di sicurezza, correggeranno il tuo software quando necessario e gestiranno i backup tra gli altri compiti.

Stima la quantità di traffico che ti aspetti (e sii onesto con te stesso). I fornitori di hosting generalmente si fanno pagare in base all’utilizzo dello storage e della larghezza di banda. La larghezza di banda è una misura di quanti byte servirai in un dato periodo. Se ti aspetti che solo poche persone visitino il tuo sito, la larghezza di banda sarà bassa. Ma se sei improvvisamente in cima a Google o il tuo prodotto diventa virale, puoi aspettarti che le richieste di larghezza di banda aumentino.

Finché sei onesto con te stesso, non c’è molto rischio. Per esempio, se hai intenzione di servire solo poche pagine a pochi clienti locali, non incorrerai mai in alcun limite. Ma se sai che stai davvero costruendo un sito che stresserà i server condivisi di fascia bassa, assicurati di scegliere un server dedicato o basato su cloud. Questo è il prossimo passo.

Capire i tipi di server. L’hosting più economico è disponibile su server condivisi, dove una scatola può far funzionare centinaia di siti web. Le prestazioni del tuo sito dipendono dal carico che tutti gli altri siti mettono sull’host. L’hosting condiviso limita anche il tuo accesso alle capacità del server, generalmente limitandoti a caricare file via FTP o SFTP, impedendo l’accesso alla shell, limitando quali programmi puoi eseguire sul servizio e limitando la quantità di accesso al database che il tuo sito può eseguire.

Il livello successivo è il VPS (per virtual private server), che è un’istanza completa di una macchina virtuale (un computer simulato) in esecuzione su una scatola. Di solito, i fornitori di hosting eseguono molte istanze VPS su una scatola, ma le prestazioni sono quasi sempre migliori dei servizi condivisi di livello base. Se usi un VPS, dovresti avere familiarità con la manutenzione e la gestione di base del server.

Se non vuoi condividere le prestazioni con altri siti, considera un server dedicato, una scatola fisica che ti viene affittata. È come avere un server dietro la tua scrivania, solo che si trova nel data center di un fornitore di servizi. Solo chi ha capacità di gestione del sistema deve fare domanda.

I server cloud possono essere una scelta migliore. Di solito girano sulle gigantesche nuvole pubbliche, come Amazon Web Services o Microsoft Azure. I fornitori di servizi possono costruire qualsiasi configurazione adatta ai bisogni dei loro clienti. Il grande vantaggio dei server cloud è che puoi scalare senza problemi. Se hai bisogno di essere in grado di gestire quel grande aumento di traffico, basta pagare più soldi al tuo fornitore. Niente deve essere spostato o ricostruito.

Diffida delle offerte illimitate. Alcuni fornitori di hosting offrono i cosiddetti storage e larghezza di banda illimitati per pochi dollari al mese. Questo affare spesso non è quello che sembra. Se paghi tre dollari al mese per l’hosting, probabilmente ci sarà qualcosa nei termini di servizio che permette al tuo fornitore di hosting di limitare le tue prestazioni o di spegnerti dopo un certo livello di utilizzo.

Scegli un sistema di gestione dei contenuti portatile per evitare il lock-in. La maggior parte degli host sono abbastanza buoni, ma i tempi cambiano. Cambiamenti di gestione, acquisizioni e cambiamenti di tecnologia possono alterare i tuoi piani di web hosting. Assicurati che il tuo sito non sia vincolato a nessun host – e che tu abbia una pratica di backup in atto.

Per la mia attività, mi assicuro di utilizzare un sistema di gestione dei contenuti open source. Molte persone usano WordPress sopra PHP, che funziona praticamente su qualsiasi cosa. Fai aggiornamenti regolari e backup del sito, in modo da avere sempre accesso ai dati, ai media e alla struttura del tuo sito. Questo approccio significa che tutto quello che devi fare è caricare il tuo backup sul servizio di un altro provider e puntare il tuo nome di dominio a quel provider.

Possiedi il tuo nome di dominio. Nicholas Rubright, fondatore e amministratore delegato del servizio di musica in streaming Dozmia, raccomanda a tutte le imprese alle prime armi di possedere i loro domini. “Assicurati di possedere il dominio. In questo modo puoi cambiare fornitore se necessario, e possiedi tutti i benefici SEO guadagnati”, ha detto Rubright.

Ora che sai come portare il tuo sito su internet, sei pronto per iniziare. Vai avanti e costruisci qualcosa di grande. Dai un’occhiata alla nostra sezione sui fornitori di web hosting per trovare un servizio che funziona per te.

Altro da esplorare

Betfair ha ottenuto la licenza per operare in Colombia

A settembre 2021, saranno cinque anni e quattro mesi da quando il regolatore locale del gioco d’azzardo ha iniziato ad autorizzare operatori terzi ad offrire il gioco online all’interno del territorio colombiano. piattaforme come Betfair hanno 3,8 milioni di giocatori registrati nella nazione.