Connettiti con i leader del marketing di alto livello. unisciti all'evento online di Boost ->

I migliori broker online per il 2021: L’ascesa dell’investitore individuale e le app Fintech

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Tabella dei contenuti

L’anno passato è stato straordinario sotto ogni punto di vista. Il mercato azionario ha sperimentato la volatilità sferzante e l’aumento dei prezzi. I blocchi Covid-19, i tassi di interesse zero, gli assegni di stimolo, la mancanza di sport e apparentemente la noia pura hanno alimentato una corsa al toro sovralimentata. E l’anno ha visto una crescita senza precedenti di nuovi conti da parte di investitori individuali presso le piattaforme di intermediazione online a servizio completo che compongono il 26esimo sondaggio annuale di Barron’s sui migliori broker online.

Questo flusso di nuovi investitori ha anche prodotto qualche dramma più recentemente. Alla fine di gennaio, le azioni del rivenditore di videogiochi GameStop (ticker: GME), in difficoltà, sono esplose su una bacheca online di Reddit chiamata r/WallStreetBets. Improvvisamente, quasi tutti stavano discutendo di covered call, short squeeze, meme trading e del rapido aumento, e poi del crollo, dei prezzi di un gruppo di titoli malridotti.

Questo è diventato noto come il “fenomeno Robinhood”, un cenno ad un’applicazione di trading utilizzata da 13 milioni di millennials e Gen Zers, che ha suscitato polemiche, per non dire controversie e controlli normativi, dopo essere stata costretta a limitare il trading al culmine della mania. Robinhood, fondata nel 2013, ha reso popolari le azioni frazionarie e le commissioni a zero dollari su un’app e un sito web caratterizzati dalla facilità di scambiare. La frenesia intorno a GameStop ha evidenziato quanto gli investitori individuali siano arrivati lontano in termini di numeri, influenza e forza, una tendenza che pochi avevano previsto prima dell’arrivo di Covid.

“Hai visto nell’ultimo anno che la vendita al dettaglio ha avuto un impatto significativo sui movimenti di mercato. “

  • Christopher Larkin, amministratore delegato, E*Trade
    I numeri sono grandi. Alla fine del suo anno fiscale il 30 settembre 2020, il volume medio giornaliero di trading di TD Ameritrade era aumentato di quattro volte rispetto al volume scambiato all’inizio di quell’anno fiscale. Il numero di conti di intermediazione al dettaglio di Interactive Brokers Group (IBKR) è cresciuto del 56% nel 2020, mentre la base clienti più piccola di tastytrade è quasi raddoppiata. Fidelity ha aggiunto più di tre milioni di clienti, dandogli 26,5 milioni di conti entro la fine dell’anno.

“In passato, generalmente, la gente pensava che gli investitori al dettaglio non avessero un grande impatto sul mercato, che fosse controllato al 100% dagli attori istituzionali, e c’era un po’ di verità in questo”, dice Christopher Larkin, amministratore delegato di E*Trade per il prodotto di brokeraggio digitale. “Ma hai visto nell’ultimo anno che il retail ha avuto un impatto significativo sui movimenti del mercato”.

ALTRI MIGLIORI BROKER ONLINE PER IL 2021
Ecco cosa rende questi broker online i migliori
Robinhood e altre app di tecnologia finanziaria come Webull e Moomoo non hanno mai fatto parte del Sondaggio sui broker online, un problema che abbiamo sollevato negli ultimi anni. La nostra attenzione si è sempre concentrata sui broker che si rivolgono ad una vasta gamma di investitori e che offrono una vasta gamma di servizi e sofisticate capacità di analisi e ricerca oltre all’esecuzione degli scambi. Questo si riflette nella nostra indagine, che ha 76 domande separate, sei categorie e 98 sottocategorie. Conduciamo interviste a distanza e le aziende dimostrano le loro piattaforme per noi, spesso rispondendo con risposte scritte alle domande. E noi indipendentemente mettiamo le piattaforme alla prova.

Quest’anno, abbiamo deciso di vedere come Robinhood se la sarebbe cavata contro i broker full-service. Robinhood ha seguito il campo, anche se non è stata una sconfitta totale. Robinhood è facile da usare, offre la possibilità di scambiare azioni, alcune opzioni e criptovalute e ha un design pulito e attraente. Il lato negativo: manca della panoplia di servizi e delle risorse in loco dei broker a servizio completo.

“Stiamo rendendo gli investimenti meno spaventosi, più accessibili, personali e facili, e offrendo funzioni e strumenti ottimizzati per i dispositivi mobili”, ha detto un rappresentante di Robinhood in risposta alle domande del nostro sondaggio.

Barron’s riconosce che, date le dimensioni della base di utenti, le app di trading fintech sono diventate forze significative e certamente vanno tenute d’occhio. E come molti dei loro utenti, non lo sono da molto tempo. Anche i broker a servizio completo una volta erano relativamente rudimentali.

Per i broker a servizio completo, l’anno è stato caratterizzato da sfide senza sosta. Hanno dovuto adattarsi improvvisamente al lavoro a distanza indotto dalla pandemia mentre rassicuravano i clienti esistenti e assorbivano milioni di nuovi clienti, per non parlare delle manovre attraverso l’affare GameStop.

Barron’s ha classificato 11 broker online che offrono una vasta gamma di strumenti utili agli investitori tradizionali e autogestiti di vario tipo. Tre broker non hanno partecipato (come l’anno scorso): Firstrade, Vanguard e You Invest, il brokeraggio auto-diretto di JPMorgan Chase (JPM).

Nel sondaggio di quest’anno, Interactive Brokers è di nuovo in testa al gruppo, con Fidelity che lo segue da vicino. Questo fa eco al nostro sondaggio del 2019; l’anno scorso, i due hanno pareggiato per il primo posto. Quest’anno, erano abbastanza vicini che li abbiamo premiati entrambi con cinque stelle.

Come si posizionano
Interactive Brokers ha preso il primo posto nella classifica di quest’anno, seguito da vicino da Fidelity. Merrill Edge e tastyworks hanno raggiunto la sesta posizione.
Classifica Broker Valutazione
1 Interactive Brokers ★★★★★
2 Fidelity ★★★★★
3 TD Ameritrade ★★★★.5
4 E*Trade ★★★★
5 Charles Schwab ★★★★
6 tastyworks ★★★.5
6 Merrill Edge ★★★.5
8 SogoTrade ★★.5
9 TradeStation ★★.5
10 Ally Invest ★★.5
11 TradingBlock ★★.5
Fonte: Barron’s

TD Ameritrade è arrivata terza, ETrade era quarta e Charles Schwab (SCHW), che ora possiede TD Ameritrade, è arrivata subito dopo al quinto posto, come l’anno scorso. Questo ha segnato un aumento di una posizione per TD Ameritrade, mentre ETrade è scesa di una posizione. Parte di questo è una funzione della riorganizzazione dei pesi relativi in alcune categorie, anche se riflette anche alcuni miglioramenti impressionanti di TD Ameritrade e Schwab.

Tastyworks e Merrill Edge hanno raggiunto il sesto posto, con un solo punto che separa i due.

Questi broker online a servizio completo hanno cercato a lungo di soddisfare gli investitori di tutti i tipi. Nel 2020, la pandemia ha fornito sia il tempo che l’opportunità, e molti nuovi investitori sono saliti a bordo. Molti di questi erano più giovani. Ally Invest, per esempio, dice che i millennial hanno guidato circa la metà della sua crescita complessiva lo scorso anno. Ma questo fenomeno si estende oltre. Ally ha riferito che il tasso di crescita delle donne in generale ha superato quello degli uomini.

CONSOLIDARE, INTEGRARE
Alla fine del 2019, Schwab ha accettato una fusione con TD Ameritrade, unendo due potenze di brokeraggio online nel più grande accordo del settore finora.

26 miliardi di dollari
Nel 2021, le due piattaforme di Schwab continuano ad operare separatamente, e potrebbero rimanere così per un altro anno.
La crescita sbalorditiva del settore ha messo queste piattaforme sotto grande pressione. Fidelity dice che ha assunto più di 5.000 nuovi dipendenti che si occupano dei clienti per gestire l’aumento del volume, mentre gli altri broker si sono affrettati a trovare e formare abbastanza nuovi dipendenti per servirli.

I broker non si sono limitati a stare a galla. Molti si stanno trasformando attivamente, sia funzionalmente che esteticamente. Stanno diventando più accoglienti e meno un amalgama di parole, numeri e grafici a linee che richiedono click infiniti. I broker stanno stratificando la facilità d’uso e la grafica contemporanea su motori di investimento e trading sempre più potenti e sofisticati. In qualche modo, Merrill Edge ha aperto la strada con il suo sito rinnovato che sottolinea le “storie” che l’unità della Bank of America (BAC) ha lanciato negli ultimi tre anni. L’enfasi di Merrill sul contesto continua, mentre anche altri stanno ristrutturando i loro siti.

“Abbiamo sicuramente visto un movimento verso la semplificazione del design”, dice Jennifer Butler, direttore della gestione patrimoniale e della ricerca di brokeraggio alla società di consulenza Corporate Insight. I broker, dice, hanno iniziato a ripensare l’architettura del sito e le etichette per rendere tutto più intuitivo.

I migliori broker online sposano la chiarezza e la sofisticazione, il che non è una cosa da poco. Questo permette la libertà sia ai trader esperti che agli investitori alle prime armi.

Un grande obiettivo di questi broker è quello di guadagnare clienti e mantenerli a lungo termine, non solo invogliarli ad iscriversi fino all’arrivo della prossima applicazione. Questo include una migrazione verso prodotti diversi, come i servizi di consulenza, che a loro volta forniscono entrate aggiuntive.

“Quello che molte società di intermediazione stanno cercando di fare è mantenere la promessa di una gestione finanziaria completa che si rivolge non solo a tutti i bisogni di un consumatore, ma anche a una sorta di evoluzione nel tempo di quei bisogni”, spiega Butler.

“In parte mago, in parte curatore di contenuti”. “

  • Bob Leavitt di TD Ameritrade, sulle sue offerte di formazione
    Un approccio più ponderato e intuitivo alle notizie, alle informazioni e alla ricerca segna un altro aspetto di questo sforzo, che è particolarmente importante quest’anno. I broker si avvicinano a questo in modo diverso. Ma in fondo, questo comporta due realizzazioni separate. In primo luogo, con tutti i nuovi partecipanti al mercato, i broker devono inserire gli investimenti in un contesto educativo, o rischiano di perdere proprio le persone che vogliono mantenere e coltivare. Secondo, gli investitori più esperti richiedono sia completezza che accessibilità. Frugare tra le informazioni non è più sufficiente.

I broker devono offrire una vasta gamma di materiale: tutorial divertenti, spunti in un linguaggio semplice, costruttori di portafoglio e pianificatori finanziari utili per l’investitore principiante; algoritmi di profitto e perdita, mappe di calore per il trading, strategie grafiche avanzate e ricerca rappresentata graficamente per i più esperti. È un equilibrio difficile, fornire contenuti necessari senza sovraccarico di informazioni per una vasta gamma di competenze di trading.

“In parte mago, in parte curatore di contenuti”, è così che Bob Leavitt, direttore della strategia e dello sviluppo dei contenuti di TD Ameritrade, descrive uno degli sforzi educativi della sua azienda.

Abbiamo esaminato tutti questi e decine di altri elementi nelle offerte di brokeraggio online per il sondaggio di quest’anno.

Sia Interactive Brokers che Fidelity hanno dimostrato quanto estesi e contestuali possano essere questi servizi. Ognuno eccelle in molteplici aspetti dell’universo del trading online. Tuttavia, Interactive Brokers ha ottenuto un punteggio più alto in tre delle sei categorie di punteggio – informazione, trading e internazionale, una categoria che ha vinto facilmente. Ha anche vinto il primo posto nel trading attivo. (Vedi Come abbiamo classificato i migliori broker online del 2020, qui sotto).

Alcuni broker fanno un lavoro migliore di altri in segmenti chiave. Per esempio, Tastyworks offre una piattaforma superba per i trader attivi di opzioni e futures, ma i suoi punti di forza e le sue prodezze di trading sarebbero perse per gli investitori più occasionali, e manca di alcune delle basi di cui crediamo che un investitore principiante abbia bisogno.

Tastyworks è anche l’ultimo esempio di consolidamento del settore. Alla fine di gennaio, la società madre di brokeraggio, tastytrade, ha annunciato che sarebbe stata venduta per 1 miliardo di dollari alla società di fintech e trading del Regno Unito IG Group Holdings (IGGHY). Secondo Tom Sosnoff, co-fondatore di tastytrade, c’erano cinque offerte sul tavolo per l’azienda. Sosnoff e i suoi partner hanno scelto IG Group, dice, perché tastyworks ha in mente una presenza globale. Con licenze in 17 paesi, IG Group renderà quel processo più semplice e veloce.

“Volevo un’opportunità per noi di prendere il mondo d’assalto”, dice Sosnoff.

L’acquisizione di tastytrade segue due accordi blockbuster. All’inizio del 2020, Morgan Stanley (MS) ha annunciato l’acquisizione di E*Trade per 13 miliardi di dollari, dimostrando come le aziende istituzionali benestanti abbiano messo gli occhi sul commercio al dettaglio. Pochi mesi prima, Schwab e TD Ameritrade Holding hanno annunciato una fusione da 26 miliardi di dollari, costruendo un’operazione mastodontica che rivaleggia con Fidelity per numero di clienti.

Iscriviti alla newsletter
La rivista di questa settimana
Questa e-mail settimanale offre una lista completa di storie e altre caratteristiche nella rivista di questa settimana. Sabato mattina ET.

ANTEPRIMA
ISCRIVITI
L’accordo per TD Ameritrade si è concluso il 6 ottobre, ma Schwab dice che ci vorranno altri 18-36 mesi per completare l’integrazione. Schwab non dice molto di più su come sarà la futura piattaforma combinata, anche se Jeff Chiappetta, vicepresidente di Schwab per il trading e l’istruzione, nota che l’azienda fusa abbraccerà sicuramente l’innovativa piattaforma di active-trading di TD Ameritrade, thinkorswim, così come quello che lui chiama “l’intero ecosistema thinkorswim”.

L’anno scorso, Schwab ha anche acquisito la fintech Motif per una somma non rivelata. Motif è specializzata nella tecnologia che crea portafogli tematici personalizzati, sottolineando altri due sviluppi nel settore: l’investimento tematico e l’indicizzazione diretta.

Per esempio, E*Trade offre temi che vanno da quelli tradizionali, come le grandi capitali sottovalutate o i mercati emergenti, a quelli che potrebbero risuonare più con gli investitori più giovani, come la sicurezza informatica e i videogiochi.

Questi temi stanno cominciando a migrare dai fondi negoziati in borsa e dai fondi comuni di investimento a singoli schermi azionari. Alcuni broker, tra cui Interactive Brokers, Merrill Edge e Fidelity, mostrano in modo prominente sui loro siti di trading e di ricerca valutazioni ambientali, sociali e di corporate governance, o ESG, e confronti tra pari. Interactive Brokers offre anche un cruscotto d’impatto che valuta gli investimenti attraverso indicatori sociali e ambientali e presto lancerà un’applicazione autonoma che svolge lo stesso compito.

Tutto questo è un cenno agli investitori più consapevoli dal punto di vista sociale.

L’indicizzazione diretta permette agli investitori di seguire un indice comprando un campione di azioni individuali, invece di possedere semplicemente fondi negoziati in borsa o fondi comuni che fanno lo stesso. In passato, l’indicizzazione diretta era il dominio degli individui più ricchi o dei clienti istituzionali. Ma ora si sta democratizzando, grazie ad un’altra importante tendenza del settore: il trading di azioni frazionate.

Robinhood è stato un pioniere del trading di azioni frazionate nel 2019, seguito da Interactive Brokers tra i broker full-service alla fine dell’anno. Fidelity è arrivata poche settimane dopo e Schwab ha abbracciato lo sviluppo a maggio.

GRANDE, SEMPRE PIÙ GRANDE
Fidelity, come altri broker online, ha visto una marea di nuovi clienti nel 2020.

3 milioni
Questo ha lasciato l’azienda con circa 26,5 milioni di conti alla fine dell’anno.
Il trading di frazioni di azioni è nato perché anche una sola azione di alcuni dei più grandi nomi delle azioni – Alphabet (GOOGL), Facebook (FB), o Tesla (TSLA), per non parlare di Berkshire Hathaway (BRK.B) – potrebbe essere fuori dalla portata di molti investitori individuali. Perché non fornire invece la possibilità di investire un importo in dollari? Questo attira i meno abbienti, ma anche coloro che tendono a pensare di investire in dollari invece che in azioni.

Sono finiti i giorni in cui le commissioni di trading e le dimensioni del conto erano barriere a queste strategie. L’industria è immersa in un ambiente senza commissioni e senza un minimo di conto, che è diventato la nuova normalità solo un anno dopo che i broker hanno eliminato le commissioni.

Con le commissioni praticamente morte, molti si chiedono come fanno i broker a fare soldi. Questo scetticismo ha guadagnato credito a metà dicembre, quando Robinhood ha pagato 65 milioni di dollari per risolvere le accuse della Securities and Exchange Commission di aver ingannato i clienti non spiegando che raccoglieva commissioni sostanziali per instradare le transazioni ad altre aziende per l’esecuzione – ciò che è comunemente noto come pagamento per il flusso degli ordini. Questa pratica, secondo la SEC, portava a prezzi di scambio inferiori e superava le commissioni zero.

I broker online si trovano su entrambi i lati della questione del pagamento per il flusso degli ordini, e la nostra indagine ha assegnato punti a quelli che non si impegnano in questa pratica. Ma quelli che accettano il pagamento per il flusso di ordini sottolineano che rivelano la pratica nei documenti della SEC e forniscono comunque i migliori prezzi di esecuzione per i loro clienti. Le aziende insistono anche sul fatto che i loro modelli di reddito non dipendono più dalle commissioni di trading.

Fidelity ha guidato la carica contro i pagamenti del flusso di ordini, mentre Interactive Brokers divide il bambino e offre due piani. Questo è inutilmente confuso. Il suo piano IBKR Lite, che è stato lanciato nell’ottobre 2019, è progettato per gli investitori meno attivi e non fa pagare le commissioni. Paga il flusso degli ordini e limita l’accesso ad alcuni degli strumenti più sofisticati dell’azienda. IBKR Pro raggruppa le commissioni, ma offre quello che chiama “routing intelligente”, che migliora le prestazioni dei prezzi, così come i tassi di margine preferenziali e altri incentivi finanziari. Finora, solo il 5% circa del milione di clienti di Interactive Brokers ha optato per la sua versione Lite. Tuttavia, Interactive a dicembre ha acquisito 70.000 clienti di brokeraggio al dettaglio da Folio Investments e si aspetta che molti di loro scelgano la versione Lite.

Come i broker bilanciano i trader attivi e meno attivi, e come i consumatori rispondono, sono stati problemi per diversi anni. Il sondaggio di brokeraggio è migrato più verso le richieste degli investitori a lungo termine, cosa che il nostro punteggio riflette. Siamo convinti che la stragrande maggioranza degli investitori autogestiti non faccia day trading, non formuli complesse strategie di opzioni o non sia in grado di passare ogni momento di veglia a scrutare i mercati. I loro bisogni, esigenze e abitudini ora dominano, anche se i broker tradizionali non possono permettersi di voltare le spalle ai trader attivi.

I broker stanno cercando di venire incontro ai clienti dove e come possono. TD Ameritrade ora conta nove diverse piattaforme in cui i clienti possono interagire con il brokeraggio, tutto dalla TV in diretta al video on demand, e da Alexa di Amazon.com a Apple CarPlay. Alcuni di questi possono essere espedienti. Altri possono essere dolcificanti. Ma è la totalità di ciò che i broker forniscono che fa la differenza, mentre si sforzano di diventare indispensabili per la vita finanziaria dei loro clienti, vecchi e nuovi.

Correzioni & Amplificazioni

TD Ameritrade non offre un programma di azioni frazionate. Una versione precedente di questo articolo diceva erroneamente che lo faceva.

Altro da esplorare

Betfair ha ottenuto la licenza per operare in Colombia

A settembre 2021, saranno cinque anni e quattro mesi da quando il regolatore locale del gioco d’azzardo ha iniziato ad autorizzare operatori terzi ad offrire il gioco online all’interno del territorio colombiano. piattaforme come Betfair hanno 3,8 milioni di giocatori registrati nella nazione.