Connettiti con i leader del marketing di alto livello. unisciti all'evento online di Boost ->

L’Arsenal mostra il cuore nella rimonta al West Ham ma deve liberarsi delle incongruenze per raggiungere l’elite

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Tabella dei contenuti

La battaglia per l’anima dell’Arsenal continua. È una visione esaltante ed esasperante in egual misura, una squadra così sorprendentemente intenta a ricordare a tutti il meglio e il peggio di se stessa ogni volta che scende in campo.

Qual è il vero Arsenal? Quello che è stato così totalmente insipido per mezz’ora, accettando prontamente un deficit di 3-0 mentre il West Ham prendeva l’iniziativa? O quello che ha risposto con notevole resilienza, orchestrato dall’eccellente Martin Odegaard per salvare un punto con un pareggio 3-3 attraverso una splendida rimonta?

Questa incoerenza nell’applicazione alla fine è costata ad Arsene Wenger e Unai Emery la loro posizione come capo dei Gunners.

Sotto Wenger, l’accusa era che l’Arsenal fosse troppo comodo. Sotto Emery, sembrava che non gli importasse. Mikel Arteta ha cercato di affrontare questa cultura corrosiva chiedendo una maggiore professionalità in ogni momento, un sentimento rafforzato dalla decisione di lasciare il capitano Pierre-Emerick Aubameyang per il derby del Nord di Londra dello scorso fine settimana dopo che si è presentato in ritardo al campo di allenamento il giorno della partita.

Avrebbe potuto rimproverare tutti gli 11 per essersi presentati in ritardo qui. Questo è stato il peggior inizio di 30 minuti che l’Arsenal abbia prodotto negli ultimi anni. L’exploit di giovedì sera in Europa League deve essere preso in considerazione, specialmente nel contesto di un programma condensato, ma la mancanza della più elementare etica del lavoro è stata un incredibile abbandono di responsabilità per una squadra sportiva professionale.

Gli Hammers hanno iniziato in modo brillante ma non hanno avuto bisogno di essere più che concentrati e propositivi per correre in avanti. Jesse Lingard ha continuato il suo bel record personale contro l’Arsenal segnando il suo settimo gol in otto partite contro i Gunners, rigettando a casa un superbo tiro al volo da appena dentro l’area.

Lingard continua a sembrare rinvigorito e ha segnato il suo richiamo in Inghilterra con il settimo gol da quando si è unito al West Ham in prestito dal Manchester United a gennaio. Nessun altro giocatore della Premier League ne ha fatti di più in quel periodo.

Sono passati solo 98 secondi prima che andassero in vantaggio per 2-0. L’Arsenal si è completamente spento dopo aver concesso un calcio di punizione —Granit Xhaka è stato uno dei tanti giocatori che non si è nemmeno affacciato al gioco quando Lingard ha alimentato Jarrod Bowen che ha colpito un tiro poco convincente in porta. Bernd Leno è stato battuto troppo facilmente sul suo palo vicino, dolorosamente lento a reagire. Quando Tomas Soucek ha colpito di testa Michail Antonio per portare il West Ham sul 3-0 dopo 32 minuti, Arteta può essere visto sulla linea laterale con un’espressione incredula.

Per tutti i discorsi sugli standard fuori dal campo che aiutano a informare la condotta in campo, questo è esattamente il tipo di incantesimo che l’Arsenal deve semplicemente sradicare completamente se vuole progredire sotto Arteta.

“Questa è la mia responsabilità perché prima non potevamo giocare a quel livello ma ora possiamo”, ha detto Arteta dopo. “Quindi non possiamo andare da qui a lì. Dobbiamo essere sempre qui [in alto].

“È qui che stiamo andando e dobbiamo smettere di concedere qualcosa agli avversari perché l’ultimo tiro che hanno avuto quando hanno colpito il palo è una rimessa laterale, gli diamo la palla e sono passati. È troppo semplice.

“E per il resto, sono incredibilmente orgoglioso della squadra. Questo è ciò che mi tiene sveglio, perché è successo troppe volte, troppo spesso. E a quel livello non puoi farlo perché gli avversari sono così bravi e i margini non sono così grandi. Poi quello positivo è il livello che abbiamo giocato dopo, ovviamente”.

C’è stata costernazione in alcuni quartieri sui social media per la squadra scelta da Arteta, in particolare con Calum Chambers che ha iniziato come terzino destro e Aubameyang spinto a destra, ma non si trattava di tattica, si trattava semplicemente di una volontà di base di vincere.

E ciò che è seguito rende i primi 30 minuti ancora più un tradimento. Soucek ha deviato il tiro di Alexandre Lacazette al 38° minuto nella propria rete e improvvisamente l’Arsenal si è animato.

Sono migliorati drasticamente dopo la pausa, Odegaard ha trovato sacche di spazio e ha fornito passaggi intelligenti e ben tempificati per bucare la retroguardia del West Ham. Chambers è stato infatti superbo sulla destra, creando tre occasioni e lanciando otto cross, uno dei quali ha forzato un autogol di Craig Dawson appena dopo l’ora.

Antonio ha perso una grande occasione per mettere la partita a letto quando Said Benrahma ha fatto un cross in un’area pericolosa, colpendo il palo da due metri mentre il gioco si allungava freneticamente. Ma l’Arsenal ha pareggiato quando il sostituto Nicolas Pepe ha crossato per Lacazette che ha portato a casa la palla, festeggiando con Aubameyang che era stato tolto poco prima.

“Non sono preoccupato per la cultura perché abbiamo fatto tanta strada e ho visto tante cose positive per essere coerente con quello che sto dicendo; oggi è stato di nuovo uno di quelli perché ho visto prima reazioni completamente diverse, tra di noi come squadra, la convinzione e l’energia.

“Non sono preoccupato di questo. Sono preoccupato dei livelli che possiamo mostrare all’interno di una partita ed è lì che penso che siamo ancora lontani dalle squadre migliori”.

L’equalizzatore di Lacazette senza dubbio maschererà la decisione di togliere Aubameyang quando l’Arsenal era sotto per 3-2, ma il fatto che sia stato ritirato in queste circostanze dice tutto sul gioco dell’attaccante del Gabon in questo momento. Aubameyang ha fatto 22 tocchi e solo quattro scatti nel primo tempo e ha avuto la peggiore precisione di passaggio nella metà campo avversaria (62,5 per cento) di qualsiasi esterno titolare di entrambe le squadre.

Per la seconda volta questa settimana, Aubameyang ha fornito il tipo sbagliato di esempio agli altri. Eppure è ancora il capocannoniere del club e capace di mischiarsi con i migliori. Lo stesso vale per l’Arsenal, che continua a mostrare segni di sviluppo in una squadra più coesa – e ben allenata – nei suoi momenti migliori.

Solo che non siamo ancora molto vicini a sapere quanto spesso lo vedremo.

Altro da esplorare

Betfair ha ottenuto la licenza per operare in Colombia

A settembre 2021, saranno cinque anni e quattro mesi da quando il regolatore locale del gioco d’azzardo ha iniziato ad autorizzare operatori terzi ad offrire il gioco online all’interno del territorio colombiano. piattaforme come Betfair hanno 3,8 milioni di giocatori registrati nella nazione.