Connettiti con i leader del marketing di alto livello. unisciti all'evento online di Boost ->

Le 10 criptovalute più importanti oltre al Bitcoin

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Tabella dei contenuti

Bitcoin non è stato solo un trendsetter, inaugurando un’ondata di criptovalute costruite su una rete peer-to-peer decentralizzata, ma è diventato lo standard de facto per le criptovalute, ispirando una legione sempre crescente di seguaci e spinoff.

CONCLUSIONI CHIAVE


Una criptovaluta, in senso lato, è una valuta che prende la forma di gettoni o “monete” ed esiste su un libro mastro distribuito e decentralizzato.
Al di là di questo, il campo delle criptovalute si è espanso enormemente da quando Bitcoin è stato lanciato più di un decennio fa, e il prossimo grande token digitale potrebbe essere rilasciato domani.
Bitcoin continua a guidare il branco delle criptovalute in termini di capitalizzazione di mercato, base di utenti e popolarità.
Altre valute virtuali come Ethereum vengono utilizzate per creare sistemi finanziari decentralizzati per coloro che non hanno accesso ai prodotti finanziari tradizionali.
Alcune altcoin sono state approvate perché hanno caratteristiche più nuove rispetto al Bitcoin, come la capacità di gestire più transazioni al secondo o di utilizzare algoritmi di consenso diversi come il proof-of-stake.
Cosa sono le criptovalute?
Prima di dare uno sguardo più da vicino ad alcune di queste alternative al Bitcoin, facciamo un passo indietro ed esaminiamo brevemente cosa intendiamo con termini come criptovaluta e altcoin. Una criptovaluta, in senso lato, è denaro virtuale o digitale che prende la forma di token o “monete”. Mentre alcune criptovalute si sono avventurate nel mondo fisico con carte di credito o altri progetti, la grande maggioranza rimane interamente intangibile.

Il “crypto” nelle criptovalute si riferisce alla complicata crittografia che permette la creazione e l’elaborazione delle valute digitali e delle loro transazioni attraverso sistemi decentralizzati. Accanto a questa importante caratteristica “crypto” di queste valute c’è un impegno comune alla decentralizzazione; le criptovalute sono tipicamente sviluppate come codice da team che costruiscono meccanismi di emissione (spesso, anche se non sempre, attraverso un processo chiamato “mining”) e altri controlli.

Le criptovalute sono quasi sempre progettate per essere libere dalla manipolazione e dal controllo del governo, anche se man mano che sono diventate più popolari questo aspetto fondamentale dell’industria è finito sotto tiro. Le valute modellate su Bitcoin sono chiamate collettivamente altcoin, e in alcuni casi “shitcoin”, e hanno spesso cercato di presentarsi come versioni modificate o migliorate di Bitcoin. Mentre alcune di queste valute possono avere alcune caratteristiche impressionanti che Bitcoin non ha, eguagliare il livello di sicurezza che le reti di Bitcoin raggiungono deve ancora essere visto da un’altcoin.

Di seguito, esamineremo alcune delle più importanti valute digitali diverse dal Bitcoin. Prima, però, un avvertimento: è impossibile che una lista come questa sia completamente completa. Uno dei motivi è il fatto che ci sono più di 4.000 criptovalute esistenti a gennaio 2021. Mentre molte di queste criptovalute hanno poco o nessun seguito o volume di scambio, alcune godono di immensa popolarità tra comunità dedicate di sostenitori e investitori.

Inoltre, il campo delle criptovalute è sempre in espansione e il prossimo grande token digitale potrebbe essere rilasciato domani. Mentre il Bitcoin è ampiamente visto come un pioniere nel mondo delle criptovalute, gli analisti adottano molti approcci per valutare i token diversi dal BTC. È comune, per esempio, che gli analisti attribuiscano molta importanza alla classifica delle monete l’una rispetto all’altra in termini di market cap. Abbiamo tenuto conto di questo nella nostra considerazione, ma ci sono anche altre ragioni per cui un token digitale può essere incluso nella lista.

1. Ethereum (ETH)

La prima alternativa Bitcoin della nostra lista, Ethereum, è una piattaforma software decentralizzata che permette ai contratti intelligenti e alle applicazioni decentralizzate (DApps) di essere costruite ed eseguite senza tempi morti, frodi, controlli o interferenze da parte di terzi. L’obiettivo dietro Ethereum è quello di creare una suite decentralizzata di prodotti finanziari a cui chiunque nel mondo può avere libero accesso, indipendentemente dalla nazionalità, etnia o fede. Questo aspetto rende le implicazioni per coloro che si trovano in alcuni paesi più convincenti, poiché coloro che non hanno infrastrutture statali e identificazioni statali possono avere accesso a conti bancari, prestiti, assicurazioni o una varietà di altri prodotti finanziari.

Le applicazioni su Ethereum sono eseguite sul suo token crittografico specifico della piattaforma, ether. Ether è come un veicolo per muoversi sulla piattaforma Ethereum ed è ricercato soprattutto dagli sviluppatori che cercano di sviluppare ed eseguire applicazioni all’interno di Ethereum, o ora, dagli investitori che cercano di fare acquisti di altre valute digitali utilizzando ether. Ether, lanciato nel 2015, è attualmente la seconda valuta digitale più grande per volume di mercato dopo Bitcoin, anche se rimane indietro rispetto alla criptovaluta dominante con un margine significativo. A partire da gennaio 2021, il market cap di ether è circa il 19% di quello di Bitcoin.

Nel 2014, Ethereum ha lanciato una prevendita di ether che ha ricevuto una risposta travolgente; questo ha contribuito a inaugurare l’era delle offerte iniziali di monete (ICO). Secondo Ethereum, può essere utilizzato per “codificare, decentralizzare, proteggere e commerciare praticamente qualsiasi cosa”. A seguito dell’attacco al DAO nel 2016, Ethereum è stato diviso in Ethereum (ETH) e Ethereum Classic (ETC). A gennaio 2021, Ethereum (ETH) aveva un market cap di 138,3 miliardi di dollari e un valore per token di 1.218,59 dollari.

Nel 2021 Ethereum prevede di cambiare il suo algoritmo di consenso da proof-of-work a proof-of-stake. Questa mossa permetterà alla rete di Ethereum di funzionare da sola con molta meno energia e di migliorare la velocità delle transazioni. Il proof-of-stake permette ai partecipanti alla rete di “puntare” il loro ether alla rete. Questo processo aiuta a rendere sicura la rete e ad elaborare le transazioni che si verificano. Coloro che fanno questo vengono ricompensati con ether simile ad un conto di interessi. Questa è un’alternativa al meccanismo proof-of-work di Bitcoin dove i minatori vengono ricompensati con più Bitcoin per l’elaborazione delle transazioni.

2. Litecoin (LTC)

Litecoin, lanciata nel 2011, è stata tra le prime criptovalute a seguire le orme del Bitcoin ed è stata spesso definita come “l’argento per l’oro del Bitcoin”. È stata creata da Charlie Lee, un laureato del MIT ed ex ingegnere di Google. Litecoin si basa su una rete di pagamento globale open-source che non è controllata da nessuna autorità centrale e utilizza “scrypt” come prova di lavoro, che può essere decodificata con l’aiuto di CPU di livello consumer. Anche se Litecoin è come Bitcoin in molti modi, ha un tasso di generazione dei blocchi più veloce e quindi offre un tempo di conferma delle transazioni più rapido. Oltre agli sviluppatori, c’è un numero crescente di commercianti che accettano Litecoin. A gennaio 2021, il Litecoin aveva un market cap di 10,1 miliardi di dollari e un valore per token di 153,88 dollari, rendendolo la sesta criptovaluta più grande del mondo.

3. Cardano (ADA)


Cardano è una criptovaluta “Ouroboros proof-of-stake” che è stata creata con un approccio basato sulla ricerca da ingegneri, matematici ed esperti di crittografia. Il progetto è stato co-fondato da Charles Hoskinson, uno dei cinque membri fondatori iniziali di Ethereum. Dopo aver avuto alcuni disaccordi con la direzione che Ethereum stava prendendo, se n’è andato e successivamente ha aiutato a creare Cardano.

Il team dietro Cardano ha creato la sua blockchain attraverso una vasta sperimentazione e una ricerca peer-reviewed. I ricercatori dietro al progetto hanno scritto più di 90 articoli sulla tecnologia blockchain su una serie di argomenti. Questa ricerca è la spina dorsale di Cardano.

Grazie a questo processo rigoroso, Cardano sembra distinguersi tra i suoi colleghi proof-of-stake e tra le altre grandi criptovalute. Cardano è stato anche soprannominato il “killer di Ethereum” poiché si dice che la sua blockchain sia in grado di fare di più. Detto questo, Cardano è ancora nella sua fase iniziale. Mentre ha battuto Ethereum nel modello di consenso proof-of-stake, ha ancora molta strada da fare in termini di applicazioni finanziarie decentralizzate.

Cardano mira ad essere il sistema operativo finanziario del mondo stabilendo prodotti finanziari decentralizzati in modo simile a Ethereum e fornendo soluzioni per l’interoperabilità della catena, la frode elettorale e la tracciabilità dei contratti legali, tra le altre cose. Al gennaio 2021, Cardano ha una capitalizzazione di mercato di 9,8 miliardi di dollari e un ADA viene scambiato per 0,31 dollari.

4. Polkadot (DOT)

Polkadot è una criptovaluta proof-of-stake unica che mira a fornire interoperabilità tra altre blockchain. Il suo protocollo è progettato per collegare blockchain autorizzate e senza autorizzazione e oracoli per permettere ai sistemi di lavorare insieme sotto lo stesso tetto.

Il componente principale di Polkadot è la sua catena di relay che permette l’interoperabilità di diverse reti. Permette anche “parachains”, o blockchains parallele con i propri token nativi per casi d’uso specifici.

Dove questo sistema differisce da Ethereum è che piuttosto che creare solo applicazioni decentralizzate su Polkadot, gli sviluppatori possono creare la propria blockchain utilizzando anche la sicurezza che la catena di Polkadot ha già. Con Ethereum, gli sviluppatori possono creare nuove blockchain ma devono creare le proprie misure di sicurezza che possono lasciare i progetti nuovi e più piccoli aperti agli attacchi, poiché più grande è una blockchain più sicurezza ha. Questo concetto in Polkadot è conosciuto come sicurezza condivisa.

Polkadot è stato creato da Gavin Wood, un altro membro dei fondatori del progetto Ethereum che avevano opinioni diverse sul futuro del progetto. Al gennaio 2021, Polkadot ha una capitalizzazione di mercato di 11,2 miliardi di dollari e un DOT viene scambiato a 12,54 dollari.

5. Bitcoin Cash (BCH)

Bitcoin Cash (BCH) occupa un posto importante nella storia delle altcoin perché è uno dei primi e più riusciti hard fork del Bitcoin originale. Nel mondo delle criptovalute, un fork avviene come risultato di dibattiti e discussioni tra sviluppatori e minatori. A causa della natura decentralizzata delle valute digitali, i cambiamenti all’ingrosso al codice sottostante il token o la moneta in questione devono essere fatti grazie al consenso generale; il meccanismo di questo processo varia a seconda della particolare criptovaluta.

Quando le diverse fazioni non riescono a raggiungere un accordo, a volte la valuta digitale viene divisa, con la catena originale che rimane fedele al suo codice originale e la nuova catena che inizia la vita come una nuova versione della moneta precedente, completa di modifiche al suo codice.

BCH ha iniziato la sua vita nell’agosto del 2017 come risultato di una di queste scissioni. Il dibattito che ha portato alla creazione di BCH aveva a che fare con la questione della scalabilità; la rete Bitcoin ha un limite alla dimensione dei blocchi: un megabyte (MB). BCH aumenta la dimensione del blocco da un MB a otto MB, con l’idea che i blocchi più grandi possono contenere più transazioni al loro interno e quindi la velocità delle transazioni sarebbe aumentata. Apporta anche altri cambiamenti, compresa la rimozione del protocollo Segregated Witness che ha un impatto sullo spazio dei blocchi. A gennaio 2021, BCH aveva un market cap di 8,9 miliardi di dollari e un valore per token di 513,45 dollari.

6. Stellar (XLM)

Stellar è una rete blockchain aperta progettata per fornire soluzioni aziendali collegando le istituzioni finanziarie ai fini delle grandi transazioni. Le grandi transazioni tra banche e società d’investimento che tipicamente richiederebbero diversi giorni, un certo numero di intermediari e costerebbero un bel po’ di soldi, ora possono essere fatte quasi istantaneamente senza intermediari e costano poco o niente per chi effettua la transazione.

Mentre Stellar si è posizionata come una blockchain aziendale per le transazioni istituzionali, è ancora una blockchain aperta che può essere utilizzata da chiunque. Il sistema permette transazioni transfrontaliere tra qualsiasi valuta. La valuta nativa di Stellar è Lumens (XLM). La rete richiede agli utenti di possedere Lumens per poter effettuare transazioni sulla rete.

Stellar è stata fondata da Jed McCaleb, un membro fondatore di Ripple Labs e sviluppatore del protocollo Ripple. Alla fine ha lasciato il suo ruolo con Ripple e ha continuato a co-fondare la Stellar Development Foundation. Gli Stellar Lumens hanno una capitalizzazione di mercato di 6,1 miliardi di dollari e sono valutati 0,27 dollari a gennaio 2021.


I bot per il trading di criptovalute come Immediate Edge possono aiutarti a diventare un trader migliore. per maggiori informazioni clicca qui.


7. Chainlink


Chainlink è una rete oracolare decentralizzata che colma il divario tra i contratti intelligenti, come quelli su Ethereum, e i dati al di fuori di esso. Le blockchain stesse non hanno la capacità di connettersi ad applicazioni esterne in modo affidabile. Gli oracoli decentralizzati di Chainlink permettono ai contratti intelligenti di comunicare con i dati esterni in modo che i contratti possano essere eseguiti sulla base di dati a cui Ethereum stesso non può connettersi.

Il blog di Chainlink dettaglia una serie di casi d’uso per il suo sistema. Uno dei molti casi d’uso che vengono spiegati sarebbe quello di monitorare le forniture d’acqua per l’inquinamento o il sifonamento illegale in corso in alcune città. I sensori potrebbero essere impostati per monitorare il consumo aziendale, le falde acquifere e i livelli dei corpi idrici locali. Un oracolo Chainlink potrebbe tracciare questi dati e inserirli direttamente in un contratto intelligente. Il contratto intelligente potrebbe essere impostato per eseguire multe, rilasciare avvisi di inondazione alle città o fatturare alle aziende che utilizzano troppa acqua di una città con i dati in arrivo dall’oracolo.

Chainlink è stato sviluppato da Sergey Nazarov insieme a Steve Ellis. Al gennaio 2021, la capitalizzazione di mercato di Chainlink è di 8,6 miliardi di dollari e un LINK è valutato 21,53 dollari.

8. Binance Coin (BNB)


Binance Coin è una criptovaluta di utilità che opera come metodo di pagamento per le commissioni associate al trading sul Binance Exchange. Coloro che utilizzano il token come mezzo di pagamento per lo scambio possono scambiare con uno sconto. La blockchain di Binance Coin è anche la piattaforma su cui opera lo scambio decentralizzato di Binance. Lo scambio di Binance è stato fondato da Changpeng Zhao e lo scambio è uno degli scambi più utilizzati al mondo in base ai volumi di scambio.

Binance Coin era inizialmente un token ERC-20 che operava sulla blockchain di Ethereum. Alla fine ha avuto il proprio lancio della mainnet. La rete utilizza un modello di consenso proof-of-stake. Al gennaio 2021, Binance ha una capitalizzazione di mercato di 6,8 miliardi di dollari con un BNB che ha un valore di 44,26 dollari.

9. Tether (USDT)


Tether è stato uno dei primi e più popolari di un gruppo di cosiddette stablecoin, criptovalute che mirano ad ancorare il loro valore di mercato ad una valuta o ad un altro punto di riferimento esterno per ridurre la volatilità. Poiché la maggior parte delle valute digitali, anche quelle più importanti come Bitcoin, hanno sperimentato frequenti periodi di drammatica volatilità, Tether e le altre stablecoin cercano di appianare le fluttuazioni di prezzo per attirare gli utenti che altrimenti potrebbero essere cauti. Il prezzo di Tether è legato direttamente al prezzo del dollaro statunitense. Il sistema permette agli utenti di effettuare più facilmente trasferimenti da altre criptovalute in dollari USA in modo più tempestivo rispetto alla conversione in valuta normale.

Lanciato nel 2014, Tether si descrive come “una piattaforma abilitata alla blockchain progettata per facilitare l’uso delle valute fiat in modo digitale”. In effetti, questa criptovaluta permette agli individui di utilizzare una rete blockchain e le relative tecnologie per effettuare transazioni in valute tradizionali riducendo al minimo la volatilità e la complessità spesso associate alle valute digitali. Nel gennaio del 2021, Tether era la terza criptovaluta più grande per market cap, con un market cap totale di 24,4 miliardi di dollari e un valore per token di 1,00 dollari.

10. Monero (XMR)


Monero è una valuta sicura, privata e non tracciabile. Questa criptovaluta open-source è stata lanciata nell’aprile 2014 e presto ha raccolto un grande interesse tra la comunità di crittografi e gli appassionati. Lo sviluppo di questa criptovaluta è completamente basato sulle donazioni e guidato dalla comunità. Monero è stato lanciato con una forte attenzione alla decentralizzazione e alla scalabilità e permette una completa privacy utilizzando una tecnica speciale chiamata “firme ad anello”.

Con questa tecnica, appare un gruppo di firme crittografiche che include almeno un partecipante reale, ma poiché tutte sembrano valide, quella reale non può essere isolata. A causa di meccanismi di sicurezza eccezionali come questo, Monero ha sviluppato una reputazione poco raccomandabile: è stato collegato a operazioni criminali in tutto il mondo. Mentre questo è un candidato primario per fare transazioni criminali in modo anonimo, la privacy insita in Monero è anche utile ai dissidenti dei regimi oppressivi di tutto il mondo. A gennaio 2021, Monero aveva un market cap di 2,8 miliardi di dollari e un valore per token di 158,37 dollari.

Altro da esplorare

Betfair ha ottenuto la licenza per operare in Colombia

A settembre 2021, saranno cinque anni e quattro mesi da quando il regolatore locale del gioco d’azzardo ha iniziato ad autorizzare operatori terzi ad offrire il gioco online all’interno del territorio colombiano. piattaforme come Betfair hanno 3,8 milioni di giocatori registrati nella nazione.